Dal 6 aprile obbligo dei certificati penali

Fisco
1 aprile 2014

La richiesta del certificato penale entro il 06/04/14

di Savio Enrico

Dal 06 aprile 2014 scatterà, anche per le società ed associazioni sportive dilettantistiche affiliate alla Federazione Ciclisitica Italiana, l’obbligo di richiedere preventivamente il certificato penale del casellario giudiziale ai propri dipendenti e volontari.
Tale onere, previsto dal D.Lgs. 04/03/14, n. 39, è rivolto a tutti i “datori di lavoro” che intendano impiegare nelle attività a contatto diretto ed abituale con i soggetti minorenni, sia lavoratori dipendenti che soggetti volontari (associati o meno).

Tra i soggetti per i quali sarà necessario presentare tale certificazione rientrano a titolo esemplificativo: gli istruttori, i meccanici, gli autisti, i massaggiatori e chiunque altro abbia contatti continuativi con gli atleti minorenni.
Il certificato dovrà essere richiesto da ogni soggetto interessato (lavoratore o volontario) direttamente all’ufficio del casellario giudiziale territorialmente competente (in base alla residenza del richiedente), esistente presso la Procura della Repubblica in ogni Tribunale.
Tuttavia, qualora tali soggetti siano impossibilitati a recarsi personalmente presso tali uffici, sarà ammessa anche la richiesta tramite terzi purchè accompagnati da delega sottoscritta del soggetto interessato e dal relativo valido documento di identità (carta identità, passaporto, etc.).
Il certificato del casellario giudiziale consente di conoscere gli eventuali provvedimenti di condanna definitivi oltra ad alcuni provvedimenti in materia civile ed amministrativa a carico di una determinata persona; tale certificato ha validità di 6 mesi dalla data di rilascio.
Il costo per ottenere tale attestazione sarà pari ad euro 16 (marca da bollo) ai quali dovranno essere aggiunti i diritti di segretaria pari ad euro 3,54 (euro 7,08 in caso di urgenza).
Si ricorda che la mancata richiesta del certificato in oggetto comporta per il “datore di lavoro” (quindi il Presidente) dell’associazione o società sportiva l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 10.000 ad euro 15.000 per ogni lavoratore/volontario privo di tale documento.